Archivi per la categoria ‘Hotel Rimini’

Fidelizzazione a Rimini

Ci occupiamo per il terzo anno consecutivo di premiazioni di turisti che dimostrano fedeltà alla nostra riviera, in particolare verso la città di Rimini,  lo facciamo perchè questo è il  sintomo di buon segno e di vitalità riferito al nostro turismo. E questa volta questo gesto assume un maggior valore perchè il premiato, Luigi Scanziani di Giussano Brianza, in provincia di Monza, è un uomo che ha girato molto, è stato in Francia, in Spagna, Portogallo, Maiorca, Tunisia, ma alla fine della fiera ha scelto Rimini, perchè non ha mai trovato come a Rimini una spiaggia così attrezzata e ordinata. E per questo motivo che il signor Scanziani, ha sempre preferito Rimini, con la sua spiaggia e il suo mare rispetto alle località che abbiamo appena citato, insomma non manca mai di fare almeno una visita ogni estate a Rimini da almeno 60 anni.  Il direttore del settore turismo del comune di Rimini  Alessandro Bellini, ha portato il saluto della città e il riconoscimento riservato ai turisti fedeli al signor Livio, ospite dell’Hotel Corallo dove soggiorna insieme alla moglie. Durante i festeggiamenti sono stati consegnati il diploma di “Amico speciale di Rimini”, e la bag contenente alcuni omaggi e pubblicazioni.

Il declassamento di un Hotel

Quando gli stessi clienti sono le migliori sentinelle per attestare la qualità dei servizi offerti dagli hotels della nostra riviera. La storia che ci accingiamo a raccontare è la seguente: un hotel di Rivabella, ridente località turistica di Rimini Nord, è stato declassato di una stella, da tre a due stelle, grazie alle lamentele e alle segnalazioni pervenute all’ autorità competente da parte degli stessi clienti. A metà agosto, una task force composta dalla polizia amministrativa, guardia di finanza, carabinieri e funzionari dall’Asl di Rimini, su segnalazione del clienti stessi, hanno fatto visita ad un hotel situato a Rivabella, appunto. Lo scenario che si è presentato agli inquirenti era ben lontano dall’essere un albergo con tipologia a tre stelle. Gli arredi erano vecchi e in cattivo stato, le pareti  segnate dall’umidità e dalle crepe, la carta da parati sporca e scollata. Alcune stanze dove venivano fatti accomodare gli ospiti, erano state ricavate da vani che in origine erano destinati all’ uso del guardaroba, un ripostiglio poi era stato addirittura trasformato in una stanza doppia per il personale dell’albergo. il titolare dell’albergo in cui sono state rilevate le infrazioni di cui abbiamo parlato, è stato denunciato. Queste sono notizie che putroppo non fanno bene al nostro turismo; per fortuna si tratta di casi sporadici, che non inficiano la qualità complessiva del servizio offerto dagli hotels di Rimini alla clientela.

Ancora premiazione di turisti fedeli

Il vice-sindaco nonchè assessore al turismo del comune di Rimini, Antonio Gamberini, è diventato il Gran Cerimoniere, il Gran Ciambellano del comune di Rimini, per quanto riguarda i turisti che hanno dimostato nel corso degli anni di presenza continuativa nella nostra riviera, fedeltà alla città di Rimini e alla sua riviera. Abbiamo già dato notizie di questo suo incarico. Questa volta si è trattata di un super premiazione, dato il numero consistente dei componenti della famiglia premiata. Gamberini questa volta ha premiato una famiglia che ha festeggiato le nozze d’oro con la città di Rimini, perchè sono esattamente 50 anni che la famiglia Fumagalli viene in vacanza a Rimini, ospiti dell’Hotel Piccolo hotel Astoria di Viserbella. La famiglia Fumagalli è una famiglia numerosa composta da 38 persone,  a partire da Angela e Giovanni Fumagalli, per continuare con i loro 7 figli maschi accompagnati dalle nuore, fino arrivare ai tanti nipotini , insomma tre generazioni di ospiti che a partire dal 1961, hanno scelto Rimini come meta delle loro vacanze estive, prima da fidanzati, poi l’anno successivo in luna di miele, per continuare estate dopo estate, con i figli e i nipoti. Tre generazioni di persone che si sono innamorate di Rimini, del suo territorio e nella fattispecie della frazione di Viserbella. L’assessore Antonio Gamberini, ha portato il saluto per l’ennesima volta dell’Amministrazione Comunale di Rimini e il riconoscimento riservato ai turisti fedeli a Angelo  e Giovanni Fumagalli della provincia di Monza, e alla signora Emilia San Vitodella provincia di Milano, tutti turisti fedeli a Rimini da 50 anni.

Sequestrato un piano dell’hotel Mosè

La triste storia dell’Hotel Mosè fa ancora discutere tutta la città di Rimini, ci sono novità sul fronte di questo albergo che ha rappresentato la vergogna di tutta la categoria degli albergatori, che hanno chiesto il pugno di ferro contro i gestori della struttura, e di conseguenza un vulnus per tutta la città, istituzioni comprese. Sono stati messi i sigilli dell’ultimo piano dell’hotel Mosè che risulta essere abusivo. Chiuse dunque 12 camere, 11 erano occupate dai clienti, una dai dipendenti, che erano state ricavate nell’ultimo piano dell’albergo, dove per regolamento edilizio ci doveva stare solo una terrazza coperta. Il piano abusivo sarebbe la molla che potrebbe fare scattare la chiusura totale di tutto l’albergo, insomma l’appiglio più consistente  a cui attaccarsi per mettere fine a questa brutta storia.

Ma l’abuso edilizio non l’unico problema per i gestori dell’hotel, che sono nell’occhio del ciclone anche per il mancato pagamento degli stipendi ai lavoratori quelli che hanno scioperato,  in questi giorni non lavorano più, vivono ancora con tante difficoltà all’hotel Zodiaco, e per la minaccia di sfratto ai dipendenti stessi. Ieri l’albergo è stato, diciamo così, vivisezionato,  controllato palmo a palmo dalla polizia municipale, carabinieri e vigili del fuoco, che già avevano svolto diversi controlli il giorno prima. L’ispezione è andata avanti per ore, e dalle indiscrezioni fin qui trapelate, aspettiamo gli esiti definitivi, sono state riscontrate parecchie irregolarità, nell’ ascensore, nelle misure di sicurezza e antincendio. Poi la camera dell’ultimo piano occupata dal personale dava direttamente sull’ascensore e la vano caldaia, in contrasto con le più elementari norme di sicurezza. Pure gli impianti elettrici non risultano del tutto a norma.

Intanto questo episodio ha provocato un grave danno all’immagine complessiva del turismo della nostra riviera. Molte famiglie che hanno soggiornato all’Hotel Mosè hanno dichiarato che è stata una esperienza bruttissima e che a Rimini non torneranno più, neanche morti.

Ancora sull’hotel Mosè

Gli albergatori di Rimini sono disgustati della situazione che si è venuta  a creare all’hotel Mosè, perchè quanto è accaduto nell’hotel Torre Pedrera, rappresenta un brutto biglietto da visita per tutta la categoria. Non solo, anche sotto il profilo squisitamente umano, si tratta di un offesa verso la dignità della persona. “Gli albergatori riminesi-dice la presidente Patrizia Rinaldis- vogliono farla finita al più presto con questa storia, perchè si è creata una situazione di grave danno per l’immagine della nostra riviera. Tutti-prosegue Patrizia Rinaldis-, mi hanno chiesto degli interventi al fine di tutelare l’immagine delle nostre strutture. Credo che alla luce di quello che è accaduto, si prendano dei provvedimenti seri, proporzionati alla gravità dell’accaduto, insomma aspettiamo quella che a rigor di logica pare  la cosa più giusta da fare, cioè chiudere la struttura.”. Anche un altro hotel gestito sempre dalla Costa Romagna, l’Hotel Maracaibo, versa nelle stesse condizioni dell’hotel Mosè. Insomma si dovrebbe arrivare a un ordinanza di chiusura dell’esercizio, martedì sono stati eseguiti tutti i rilievi di rito da parte della polizia municipale, e nel contempo avviate le procedure amministrative per perfezionare gli eventuali provvedimenti disciplinari, pare, il fatto va dato con il beneficio di inventario, che durante l’ispezione della polizia municipale siano stati riscontrati degli abusi edilizi. Palazzo Garampi, sede del comune di Rimini, ha scelto la linea dura, il comune ha ribadito più volte che nessuno spazio verrà dato a gestioni che non rispettino gli standard consolidati nel tempo del nostro turismo.

Sagre
Search
Pagine
Recent Comments