Archivi per la categoria ‘Fiera Rimini’

Il palas di Rimini aprirà il 15 ottobre

Finalmente una buona notizia che riguarda il nuovo palas di Rimini  e la sua storia travagliata. Il nuovo palas di Rimini, aprirà il prossimo 15 ottobre, la notizia è ufficiale. Si tratta di una cosa positiva per tutta la città di Rimini, perchè permetterà di diversificare l’offerta turistica, in modo tale da far diventare Rimini una città aperta al turismo per tutto l’anno, grazie al comparto congressuale. Ad inaugurare la nuova struttura saranno presenti, con tutta probabilità, il ministro del turismo Michela Vittoria Brambilla  e il presidente della regione Emilia-Romagna Vasco Errani. Il certificato di agibilità del nuovo palazzo dei congressi, che sarà la struttura congressuale più grande d’italia, è stato emesso dal comune di Rimini, ad agosto, poche settimane dopo quello di conformità sismica della struttura. Si tratta di un progetto ambizioso, che è costato oltre 100 milioni di euro, che però si è fatto attendere più del previsto.  Infatti l’ inaugurazione era stata annunciata per l’11 settembre dello scorso anno, ma il taglio ufficiale del nastro non c’è mai stato. I lavori furono bloccati perchè i periti incaricati dal tribunale rilevarono delle irregolarità nella costruzione dell’edificio. L’inchiesta, avviata dalla Procura della Repubblica di Rimini, si è conclusa con  nove avvisi di garanzia per violazione delle norme antisismiche. Nella lista degli indagati, figura anche Guglielmo Zaffagnini, supervisore scelto da Rimini Fiera per vigilare sugli aspetti tecnici e amministrativi del palas stesso. Secondo il presidente di Rimini Fiera, Lorenzo Cagnoni, gli ostacoli sembrerebbero però finalmente superati. Si tratta di una struttura attesa da tutta la città di Rimini, per le ragioni dette sopra.

Ancora sul Palas

Ancora sul PalasNon si placano le polemiche attorno alla costituzione del nuovo Palas. Il consigliere comunale di Rimini Eraldo Giudici, in quota PdL, ha chiesto che il presidente dell’ente fiera Lorenzo Cagnoni, di venire in consiglio comunale per spiegare davanti ai consiglieri comunali come vanno esattamente le cose per quanto riguarda la situazione della fiera e del nuovo palacongressi.

Giudici vuole sapere con precisione cosa sta succedendo all’interno della Fiera di Rimini vuole avere delle spiegazioni in merito alle disavventure” capitate negli ultimi tempi, dai ritardi e alle inchieste della magistratura sul nuovo Palas, alla liquidazione della società Expolgobe, fino all”ultimo episodio negativo, ovvero la fuga della fiera dei camper da Rimini destinazione Parma, che è stato un duro colpo per la nostra fiera.

Cagnoni da parte sua ha ribadito di non aver nessun problema a parlare ad andare in consiglio comunale per spiegare la situazione dell’ente Fiera di Rimini. “Expoglobe da tempo è stata liquidata -dice Cagnoni-, per quando riguarda la questione di Mondo Natura abbiamo cercato di trattenere la fiera a Rimini, ma gli organizzatori ritengono che Parma sia più baricentrica rispetto a Rimini. Sono scelte che come Ente Fiera non condividiamo, ma non  potevamo di certo trattenerli con la forza.”. Per l’inaugurazione del Palas, a rigor di logica si devono aspettare gli esiti delle perizie effettuate da periti del tribunale che ancora non sono state rese note. Il presidente Cagnoni nonostante ciò, continua a ribadire che il Palas sarà inaugurato il 25 settembre,  come continua a sostenere che all’ inaugurazione parteciperà anche il presidente del consiglio Silvio Berlusconi.

Mondonatura va a Parma

Mondonatura va a ParmaMondonatura, una manifestazione storica che si teneva alla fiera di Rimini, ha fatto una “corna” alla Fiera di Rimini e questa non è una notizia  molto positiva per il nostro territorio. Il popolo dei “camperisti” ha deciso di trasferirsi in Emilia, destinazione Parma. L’edizione  del2010 dell’evento  “mondonatura”, il salone internazionale di camper, caravan, campeggio e turismo all’ aria aperta, in programma dal 11 al 19 settembre, non si terrà più alla nuova fiera di Rimini, bensì alla fiera di Parma, la città emiliana famosa per la qualità del suo settore agro-alimentare, che è fatto di prosciutti e salami, parmigiano e pasta. Insomma Fiera di Rimini  e Associazione Produttori Camper, non hanno trovato l’accordo, forse anche per motivi economici, per far restare mondonatura a Rimini, ma sul merito delle questioni che hanno portato alla separazione, le due parti in causa mantengono il massimo riserbo  e non hanno fatto trapelare niente che potesse dare adito a qualsivoglia illazione.

Già dopo la conclusione della manifestazione del 2009, l’Apc aveva manifestato l’intenzione di portare l’evento, capace di attirare fino  a un numero di 100.000 persone, nell bassa paianura emiliana a Parma. Giunti a questo punto, l’ente fiera di Rimini ha pensato di organizzare, per salvare capra e cavoli, e salvaguardare l’evento e gli hotel fiera Rimini, di organizzarne uno per conto proprio alternativo a mondonatura che si dovrebbe tenere a Parma.  la situazione del Palas è ancora in fase di stallo, finchè non ci sono gli esiti degli accertamenti  fatti dai periti del tribunale che dovranno dare esito positivo, non si apre. La mancata apertura del palas per le note questioni, ha fatto perdere all’ente fiera, la festa nazionale dell’Italia dei Valori, che si terrà ad ottobre. Al posto di Rimini è stata scelta la città abruzzese di Vasto, che è un luogo abituale per le feste nazionali dell’Italia dei Valori.

XXXI° Edizione del Meeting a Rimini

XXXI° Edizione del Meeting a RiminiIl filo conduttore della XXXI° edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli, che si svolgerà nei padiglioni della nuova fiera di Rimini, da domenica 22 agosto a sabato 28 agosto 2010, è decisamente stimolante, denso di progettualità e foriero di ulteriori riflessioni circa il destino dell’uomo. Il titolo è il seguente: “Quella natura che ci spinge a desiderare cose grandi è il cuore”. Si tratta di un concetto che riprende la frase che Albert Camus, fa pronunciare all’imperatore Caligola nel suo celebre dramma “Ho provato semplicemente una improvvisa sete di impossibile…ho bisogno della luna, o della felicità o dell’immortalità”.

In ogni uomo, di qualsiasi razza e cultura, religione, tradizione, è insito il desiderio di fare cose grandi, di qualcosa che ti metta in comunicazione con l’infinito. Una aspirazione questa che l’uomo, in molte occasione tende a trascurare e a dimenticare, colpa di una certa mentalità che lo tratta solo come il risultato di una casualità chimico-biologica o al limite di un processo evolutivo. Il tema fondamentale della vita è il rapporto fra l’uomo e l’infinito. E in questa tensione ideale è racchiuso il tratto inconfondibile dell’umano, la molla che spinge all’azione, la scintilla di ogni agire, dal lavoro alla famiglia, dalla ricerca scientifica alla politica, dall’arte fino ad affrontare i problemi quotidiani che man mano si presentano nel corso della vita.

Il Meeting di quest’anno, cercherà di spiegare e documentare come nella realtà di oggi sia necessario partire dall’umanità di ogni persona, facendo dei bisogni e dei desideri degli uomini il cuore e l’anima delle scelte grandi e di quelle più piccole legate alla quotidianità. Perchè è solo questo  il punto che unisce tutti gli uomini e pertanto questo fatto rappresenta l’inizio anche di un vero dialogo  fra i popoli. Il Meeting è uno degli eventi Rimini più importanti per la città, non solo come un appuntamento culturale e politico a livello internazionale, ma è importante altresì per l’indotto che muove, per le presenze turistiche che riesce a portare, in pratica la stagione estiva si salva anche con il Meeting. Il Meeting si aprirà il 22 agosto con la presenza della presidentessa  irlandese Mary MacAleese e lo spettacolo “Caligola e la Luna”, tratto dal celebre dramma di Albert Camus, nella ricorrenza dei cinquant’anni della sua morte. In questa edizione del Meeting ci sarà la presenza fissa della RSM, la collaborazione fra il Meeting e la Repubblica di San Marino cresce e si consolida nel tempo. Anche in questa trentunesima edizione, si ripropone sotto vari aspetti la presenza di enti e realtà sammarinesi, attraverso incontri, stand ed eventi sportivi molto importanti.

Il nuovo palacongressi a Rimini

Il Palacongressi è considerato un opera che può far fare un salto di qualità al nostro turismo. Esso si staglia ormai in tutta la sua pienezza sulle ceneri della Fiera Vecchia. Ha cambiato la fisionomia, la cartolina della zona della vecchia Fiera di Rimini. Basta passare di lì per rendersene conto. I titolari degli hotel Rimini, la considerano un’opera strategica che può cambiare le sorti in positivo del turismo a Rimini. Da un turismo  di tipo prettamente balneare, si passerebbe a un turismo congressuale che darebbe la possibilità di lavorare tutto l’anno. Gli albergatori di Rimini, difendono  con tutte le loro forze, l’importanza del Palas nell’economia complessiva della città di Rimini.  “E’ un opera strategica per Rimini- sottolineano in coro”. A complicare ulteriormente  le cose, c’è il fatto che la cerimonia di apertura del palas subirà un ulteriore slittamento oltre la data stabilita, c’è anche l’esposto di Gian Luca Pini, eletto a Forlì, parlamentare della Lega Nord, che vuole che sia chiesta la verifica sul rispetto delle norme di sicurezza sulla staffatura dei pilastri e soprattutto per verificare durante il corso dei lavori che sia stata rispettata la legge Merloni sugli appalti pubblici, che vieta gli sforamenti di spesa oltre i l 5% in riferimento ai progetti iniziali.

La procura di Rimini non ritiene necessario sequestrare il palas, nè in modo totale, nè in alcune sue parti, stando a quello che ha detto il procuratore capo Giovagnoli. Detto ciò, l’esposto di Gian Luca Pini, che ha presentato in procura, è stato inoltrato ai due pm che con diverse inchieste, si stanno occupando della questione del palacongressi di Rimini.

Sagre
Search
Pagine
Recent Comments