Archivio di ottobre 2010

Leonardo Acori ha firmato per la Cremonese

Parliamo di Leonardo Acori, perchè è una persona molto conosciuta nelle città di Rimini. Infatti è stato un mister che ha scritto le pagine più belle della vecchia Rimini calcio targata Cocif, portandola dalla C2 fino alla serie B, era il Rimini di Sergio Floccari e Adrian Ricchiuti, tanto per citare due giocatori di quel Rimini che si stanno facendo onore in serie A, rispettivamente nella Lazio e nel Catania. Luca D’Angelo, il mister dell’Ac Rimini 1912, era un giocatore di quel Rimini di Acori, uno dei perni del reparto difensivo;da come D’Angelo dispone il Rimini in campo, sembra di vedere il Rimini di Leonardo Acori non solo come la squadra è disposta in campo, ma anche come spirito che anima la squadra. Insomma, a Rimini è stato un eccellente maestro, anche se il suo gioco a volte era troppo lezioso, giocava senza il bomber, per non dare punti di riferimento. E” un discorso valido fino a un certo punto, perchè se non la butti dentro siamo punto a capo. Moscardelli con lui faticava a trovare posto in squadra, un giocatore come lui che  ha fatto le fortune delle squadre in cui ha giocato successivamente, dal Cesena, al Piacenza e adesso al Chievo. Insomma dove va segna. Faceva giocare Jeda esterno, lui che era una attacante naturale!. Che giocatori aveva quel Rimini.!

Leonardo Acori ha firmato con la Cremonese, prende il posto di Marco Baroni, esonerato subito dopo la sconfitta della squadra lombarda a Reggio Emilia contro la Reggiana per 3 a 0. Acori dopo l’esperienza di Rimini andò a Livorno alla corte di un presidente difficile come Aldo Spinelli, che lo  esonerò dopo aver portato la squadra toscana ai play-off, sostituendolo con Gennarino Ruotolo, che è stato un suo giocatore al Genoa. Poi andò a Benevento, venne esonerato dopo poche partite dopo una partita di Coppa italia giocata a Gubbio contro il Gubbio, per essere poi richiamato dalla società campana, espressione della città di Benevento, il centro più importante del Sannio. che aveva esonerato Camplone, ex giocatore del Pescara, che a sua volta aveva preso il posto di Acori. Comunque ‘ha portato il benevento nei pay-off. Per Acori tecnico navigato e esperto si tratta di un chanche importante da giocare in un piazza prestigiosa come Cremona. La Cremonese ha giocato anche alcuni campionati in serie A, sotto la guida di Gigi Simoni. In quella Cremonese giocava anche l’attaccante riminese Andrea Tentoni, attualmente allenatore della nazionale femminile di San Marino. Insomma è una occasione di rilancio per tutti e due, per la Cremonese e per Leo Acori, insomma gli obiettivi di entrambi coincidono. Auguri a Leo Acori.

Le romagnole nel Cnd

Continuiamo il consueto appuntamento con le romagnole che partecipano al campionato nazionale dilettanti, con un occhio di riguardo a quelle che sono inserite nel girone F.

Cominciamo dal Real Rimini che ha ottenuto un bel pareggio sul campo della Sambenedettese,  una delle favorite alla vittoria finale. Risultato della partita 2 a 2, per il Real Rimini hanno segnato Casolla al 4 st e procopio al 5 st. La cura Iacobelli sortisce i suoi effetti, il real Rimini sotto la sua guida ha conseguito 7 punti in 3 partite. Il Real Rimini ha 12 punti 3 vittorie 3 pareggi 3 sconfitte.

L’altra squadra di Rimini l’AC Rimini 1912, ha battuto in casa fra le mura del Romeo Neri, la squadra molisana del Bojano, con un punteggio di 3 a 0. Le reti sono state segnate da  Ragatzu al 23° e al 25° st, e dall’argentino Olcese al 45° st. l’Ac Rimini è a soli 3 punti dalla capolista Teramo che ha 20 punti. L’ Ac Rimini 1912 ha 17 punti in classifica frutto di 5 vittorie 2 pareggi e 2 sconfitte.

Il derby fra Santarcangelo e Forlì è finito 1 a 1  con rissa finale, provocata da unos contro tra traini e Fantini. Insomma è finita fra le …botte. Le reti sono state segnate per il Forlì da Fantini al 7 st  e per il Santarcangelo da Radoi al 30 st. Il Forlì ha 12 punti frutto di 3 vittorie 3 pareggi 3 sconfitte, il Santarcangelo ha  14 punti frutto di 4 vittorie 2 pareggi e 3 sconfitte.

Peggio che andar di notte per il Cesenatico, che ha  perso per l’ ennesima volta in casa contro la squadra abruzzese del Luco Canistro. Per il momento, il cambio dell’allenatore non è servito alla squadra del presidente Bagnolini, in settimana l’allenatore Tentoni era stato sostituito da Wilmer Ferri. Il gol di Cesenatico è stato segnato su rigore da Filiaggi al 46 st.

Male per entrambe le romagnole del girone D, nelle romagnole includiamo anche il Castel San Pietro, che ha perso in casa contro un modesto Fiorenzuola, se perde contro queste squadre vuol dire che il Castello è proprio messo male. Ieri ha perso per 2 a 0. Il Castello ha 2 punti in classficaa frutto di 2 pareggi e 6 sconfitte.

Il Russi  ha perso a Bagnolo in Piano contro la Bagnolese, per 2 a 0.  il Russi non conosce mezze misure, o vince o perde, non conosce la parola pareggio. Ha 9 punti in classifica, frutto di 3 vittorie e 5 sconfitte.

Le romagnole nel Cnd

Ed eccoci la consueto appuntamneto con le romagnole che partecipano al Cnd, che fanno parte più che altro del girone F, tranne il Russi e il Castel San Pietro, che fanno parte del girone D.

L’ Ac Rimini 1912, ha perso in casa della capolista Jesina per 1 a 0. Il Rimini non meritava di perdere, ha dimostrato di essere una squadra di elevata qualità, ma forse deve rimandare a tempi più propizi l’assalto alla vetta. Comunque la squadra è sul pezzo, come si dice.  Il Rimini 1912 conta in classifica 14 punti frutto di 4 vitorie 4 pareggi e 2 sconfitte.

L’altra squadra di Rimini, il Real, ha vinto in casa con una goleada per 4 a 1 contro la squadra molisana del Venafro. il cambio dell’allenatore ha fatto bene al Real Rimini, con mister Iacobelli su due partite, la squadra  ha ottenuto due vittorie, una  in trasferta con il Forlì e una in casa con il Venafro, sempre con 4 gol segnati per ciascuna partita. Il Real Rimini sta risalendo piano piano la china. Attualmente ha 11 punti in classifica, frutto di 3 vittorie 2 pareggi e 3 sconfitte.

Il Santarcangelo in casa non sbaglia un colpo, domenica ha vinto al Valentino Mazzola contro una squadra di buon livello come la Civitanovese, allenata dal ravennate Massimo Paciotti. Due domenica fa la squadra clementina aveva asfaltato per 4 a 0 il Teramo, una delle candidate alla vittoria finale che attualmente è secondo in classifica con 17 punti. domneica la squadra di mister Angelini ha vinto con il più classico dei punteggi 2 a 0. Il Santarcangelo è una squadra di categoria che negli ultimi anni si è sempre espressa su buoni livelli nel Cnd.

Il Forlì si è prontamente riscattato dalla batosta interna subita dal Real Rimini andando a vincere a Recanati, contro la Recanatese per 3 a 0, giocando una gara gagliarda con l’obiettivo di cancellare il harakiri in casa subito 7 giorni prima con il Real Rimini. Le reti sono state segnate al 7° e al 30° del primo tempo da Sozzi, e al 39° st da Maiorano. il forli ha 11 punti in classifica frutto di 3 vittorie 2 pareggi e 3 sconfitte.

In caduta libera il Cesenatico, giocare contro la squadra del presidente Bagnolini è come mettere le mani nella pila dell’acqua santa, finora hanno perso 6 partite su 8. Ieri hanno perso a Atessa in Abruzzo, per 1 a 0, contro l’ Atessa Val di Sangro. Forse la squadra non è all’altezza della categoria, non si può dare sempre la colpa all’allenatore. Il Cesenatico ha 4 punti in classiifca fruto di 1 vittoria 1 pareggio e 6 sconfitte.

Veniamo adesso alle Romagnole del girone D. Il Castel San Pietro ha pareggiato a Carpenedolo, contro la squadra locale che porta lo steso nome del paese, per 2 a 2. Il Carpenedolo è la squadra di cui è stato presidente per tanti anni l’imprenditore  bresciano Girardi, attuale presidente del Parma. il Castel San Pietro ha 2 punti in classiifca frutto di 2 pareggi e 5 sconfitte. Il Castello fino ad adesso non ha ancora vinto una partita.

Chiudiamo la nostra rassegna con il risultato del Russi, l’altra romagnola del giorne D. Domenica il Russi ha perso in casa con la squadra emiliana della Virtus Paullese. Il Russi ha 9 punti in classifica, frutto di 3 vittorie 0 pareggi e 4 sconfitte.

Il Basket Rimini e la schiena del buratello

Quando si parla del Basket Rimini, nella fattispecie della Crabs RiminiImmobiliare Spiga, dal nome dello sponsor  di quest’anno, tremano un pò i polsi, se ci riferiamo alle esperienze passate, in particolare all’esperienza di Riviera Solare dello scorso anno,  che non è stata di certo positiva. E’ intervenuto direttamente il patron del basket Rimini, insomma della dell’Immobiliare Spiga, Giorgio Corbelli, per mettere dei paletti, dei punti fermi, sullo stato di salute finanziario della società della Basket Rimini, per dire a chiare lettere che la società è solida e che i fantasmi del passato sono solo fantasmi, appunto…Finalmente era ora.

Insomma, stando alle parole di Corbelli, che ha avuto un’ esperienza anche nel calcio, mister Telemarket è stato per un certo periodo presidente del Napoli, la società riminese di basket guarda il futuro con un certo ottimismo, la fase che possiamo chiamare della “Schiena del buratello”,  in dialetto, la  ” schina de buratell”, cioè quella situazione scivolosa che non ti permette di stare in equilibrio, appartiene ormai al passato, è già passata in giudicato in cavalleria. Insomma, non ci sarebbero più debiti  pregressi, per il basket Rimini, è questo è un bene, dopo un periodo difficile pare che sia ritornato il sereno, anche da un punto di vista strettamente finanziario. Si parla  in casa Basket Rimini, dell’inserimento di Carlton Myers, ma per il momento i vertici della società escludono  un ipotesi del genere, sia per l’ età avanzata di Myers, che per il costo dell’ingaggio che il Basket Rimini gli dovrebbe sottoscrivere qualora lo mettesse sotto contratto. La società pensa a rafforzarsi sotto il profilo societario, con l’ingresso di nuovi soci.

Le Romagnole del CND

Facciamo come ogni settimana il punto sulle romagnole impegnate nel Cnd dilettanti, la maggior parte delle quali militano  nel girone F, tranne il Russi e il Castel San Pietro che militano nel girone D. Domenica è stata una giornata ricca di derby per le romagnole impegnate nel girone F.

Cominciamo dal derby giocato allo stadio Romeo Neri di Rimini fra l’ Ac Rimini 1912 e il Santarcangelo, derby vinto dalla squadra riminese per 1 a 0, con un gol segnato da Olcese al 47° del primo tempo. L’Ac Rimini 1912 si è dimostrata una realtà per questo campionato, che si candida per la vittoria finale del campionato stesso. C’è ancora qualche meccanismo da perfezionare, ma la strada imboccata dalla squadra di Amati è sicuramente quella giusta. Il Santarcangelo si è dimostrato una buona squadra, una squadra di categoria, considerato che sono diversi anni che disputa il Cnd dilettanti mantenendosi sempre su buoni livelli. Il dato di fatto che conforta, nonostante l’ Ac Rimini disputi il Cnd è il seguente: il calcio a Rimini non è morto, ieri per assistere al derby c’erano circa 3000 persone.  Adesso il tabellino della classifica delle due squadre: l’AC Rimini ha 14 punti in classifica frutto di 4 vittorie 2 pareggi e 1 sconfitta, il Santarcangelo ha 10 punti, il risultato di 3 vittorie 1 pareggio e 3 sconfitte.

L’altra metà di Rimini, il Real Rimini ha letteralmente asfaltato il Forlì nel derby che si è giocato allo stadio Morgagni di Forlì, davanti alla presenza di circa 1000 persone, un buon pubblico per il Cnd. Il Real Rimini ha vinto per 4 a 0, con reti di Piccolo, Pica. Casolla e Meloni. Il Real Rimini è fresco di cambio dell’allenatore, domenica a Forlì c’era mister Iacobelli al posto di mister Neri, il cambio questa volta ha dato i suoi frutti. Però il Real Rimini deve uscire dal limbo in cui si trova in questo momento  e dimostrare finalmente il suo valore come squadra. Che dire del Forlì, è ancora in una posizione di classifica accettabile, ma la squadra sembra indebolita rispetto allo scorso anno, d’accordo Buonocore è sui 40 anni, la squadra andava ringiovanita, ma quella allestita quest’anno sembra addirittura più debole di quella dello scorso anno, sono partiti anche Lisi e Scaioli, che l’anno scorso erano dei punti di riferimento per la squadra, quest’anno giocano rispettivamente nel Riccione e nella Giacomense. il Forlì in classifica ha 8 punti, 2 vittorie 2 pareggi e 3 sconfitte di cui 2 in casa. Il Real Rimini ha anch’esso 8 punti, idem come il Forlì,  2 vittorie 2 pareggi e 3 sconfitte.

Il Cesenatico non sta vivendo un bel periodo, domenica è andato a perdere  a Venafro, in Molise, per 3 a 2, dopo aver rimontato 2 gol. E’ incerta la sorte di mister Tentoni, vedremo i prossimi sviluppi della situazione. Il Cesenatico ha 4 punti in classifica 1 vittoria 1 pareggio e 5 sconfitte.

Nel girone D il Russi ha perso a Forcoli 2 a 1, mentre il Castel San Pietro ha pareggiato in casa con la Bagnolese per 0 a 0. Russi 9 punti in classifica 3 vittorie e tre pareggi,  Castel San Pietro 1 punto, o vittorie 1 pareggio e 5 sconfitte.

Sagre
Search
Pagine
Recent Comments